Il cuzzetiello, una tradizionale bontà

O’ Cuzzetiello è una tradizione napoletana, soprattutto di Domenica mattina, quando c’è la pentola con il ragù che cuoce sul fuoco e ci intingi la parte finale o iniziale del pane, ma non un pane qualunque, il pane cafone.

Insomma O’ Cuzzetiello napoletano è un rito culinario che si tramanda da generazioni, ma negli anni si è evoluto diventando un ottimo concorrente tra i prodotti dello streetfood, sono nate inoltre numerose varianti con diversi ingredienti: salsiccia e friarielli, zucchine, patate,  ragù e polpette al sugo, quest’ultimo ovviamente è il più gettonato.

Ma attenzione se col passare del tempo sono nate numerose varianti realizzate con gli ingredienti più disparati: zucchine, peperoni, melanzane, funghi, friarielli, patate al forno… trasformando il cuzzetiello in un nuovo scoppiettante amatissimo prodotto dello streetfood napoletano e non.

Ma come si prepara un cuzzetiello? Si prende mezzo pezzo di pane cafone, si svuota della mollica, si conserva l’estremità che funge anche da tappo termico e si riempie di ogni meraviglia, è porpiro per questo motivo che non bisogna fare molta attenzione ai propri indumenti, perchè non si può assaggiare il cuzzetiello senza avere il minimo timore dello straripamento del suo interno.